Fiera dei morti a Scicli
La fiera per i morti a Scicli diventa la fiera dei ricordi. Stand in piazza Italia
20 Ottobre 2022
eclissi di sole
Eclissi di sole. Come osservarla e fotografarla. Consigli e curiosità
24 Ottobre 2022

Il Museo del Costume di Scicli. Un viaggio tra moda, arte e storia popolare

Il Museo del Costume di Scicli è un piccolo tesoro immerso in uno scenario barocco estasiante!

La città di Scicli, oltre i suoi musei e luoghi d’arte, ospita gioielli di storia e di cultura inimmaginabili.
In particolare il Museo del Costume, offre la possibilità – a nostalgici e non – di fare un salto indietro nel tempo.

Museo del costume di Scicli

Ospitato in via Francesco Mormina Penna, nei bassi dell’ex Convento della chiesa di San Michele, il Museo del Costume è frutto di una capillare ricerca etnografica iniziata nei primi anni ’90 del Novecento da Giovanni Portelli e Giovanna Giallongo

Il materiale in esposizione fa parte di una raccolta e di una attenta ricerca che va avanti da anni. Fanno parte della raccolta abiti, cappelli e accessori vari, quali bottoni, scarpe, riviste di moda; dell’Ottocento e dei primi del Novecento. 

“Il museo non solo è ricco e ben organizzato ma offre anche uno sguardo nel passato emozionando e incantando il visitatore! Un luogo assolutamente da visitare per poter cogliere appieno tutta la cultura e le radici di questo magnifico territorio”.

Museo del costume di Scicli
Abito del XIX sec. (foto Museo del costume)

Il Museo del Costume si snoda in più sale, suddivise in tre sezioni tematiche: una parte dedicata agli abiti nobiliari, una parte etnoantropologica con utensili e oggettistica della cultura popolare anche legata alla cucina contadina e una parte, variabile e sempre aggiornata, con esposizioni e mostre tematiche temporanee.

Le prime sale dedicate alla storia del costume espongono abiti femminili del XIX e XX sec.; alcuni ambienti invece sono dedicati alla storia della cucina popolare contadina siciliana. La seconda parte dell’esposizione riguarda utensili d’uso comune nelle cucine e nella vita quotidiana del popolo ragusano di fine ‘800. Molto particolare è la ricostruzione di una tipica cucina di una famiglia contadina dell’epoca.

Le sale dedicate alla cucina consentono di rivivere sensazioni e suggestioni passate.

Nello specifico le mostre espositive, generali o tematiche, sia temporanee che permanenti permettono (e hanno permesso) di far conoscere al visitatore un grande patrimonio storico e artigianale.
Nello specifico in tanti anni di mostre e allestimenti si è potuto godere di ammirare collezioni di abiti di gala come da ricevimento e per uso quotidiano, maschili e femminili (1784 – 1960); abiti popolari (fine ‘800 – primi anni del ‘900); abiti da matrimonio (1870 – 1970); abiti da bambini (1870 – 1940); scarpe, calze e accessori vari (fine ‘800 – metà ‘900);bottoni (metà ‘700 – metà ‘900); biancheria da corredo per adulti; biancheria da letto (cottonine, coltri, copriletto, cuscini, lenzuola, ecc.); corredo per bambini; manufatti della tessitura popolare (bisacce, sacchi, ecc.); attrezzi per la panificazione e contenitori per la conservazione degli alimenti, in ceramica, vetro, canne (cannizzo), ecc.; tavoli da cucina; bilance, pesi e misure; attrezzi per pasticceria; attrezzi per la lavorazione delle mandorle; attrezzi da lavoro contadino; campanacci, collari con sonagli; giocattoli antichi (fine ‘800 – metà ‘900).

Nel 2015 la collezione è stata dichiarata di importante interesse etnoantropologico, con notifica del decreto di vincolo, D.D.G n. 254 del 10/2/2015 della Regione Sicilia.

Il museo è visitabile tutti i giorni ed è gestita turisticamente dalla cooperativa Agire.
(Leggi gli orari, info e prezzi 2022 dei musei di Scicli )

Guarda le foto del Museo del Costume

“Il Museo del Costume di Scicli offre una piacevole visita attraverso i costumi, le tradizioni e la cucina della Sicilia di una volta. Merita davvero una visita!”

Comments are closed.

error: Contenuto protetto da copyright I love Scicli!