La note magiche del Cantastorie di Scicli sul palco delle Milizie

Convento di Sant'Antonino (foto Michele Cataudella)
Convento di Sant’Antonino : un gioiello di Scicli dimenticato e da salvare
5 Giugno 2017
i ragazzi del Cataudella restaurano 20 opere Nuova Luce
Gli alunni del Cataudella di Scicli portano Nuova Luce con 20 opere restaurate
9 Giugno 2017

La note magiche del Cantastorie di Scicli sul palco delle Milizie

cantastorie milizie

cantastorie milizie

Milizie 2017: Cantastorie made in Scicli

Il testo del cantastorie che ha raccontato la storia di “Normanni e Saracini” quest’anno sul palco della festa delle Milizie di Scicli 

Il testo è di Renato Fidone e Carmelo Conti, la musica di Andrea Calabrese e Pietro Scardino.
L’accompagnamento musicale alla chitarra è di Carmelo Giannone.

Cantastorie

Signuri e signurini a mìa sintiti
chi storia ca vi staìu ppi cuntari
‘na storia ca si perdi m’ta la notti
e a niatri puvirieddi fa sunnari.


Na storia di Normanni e Saracini,
di m’populu sciugghiutu d’è catini
ca si ribella e pigghia la cuscenza
ca dopu ogni duluri c’è la spiranza.

E mentri a la lotta s’anfuriava
tra populu, cristiani e saracini
supra n’cavaddu biancu cumparìa

La bedda matri, Vergini Maria!

Supra la testa avìa la curuna,
e tali e quali fussi na regina
e n’ta la manu dritta avìa na spada
n’difisa a la so genti tantu amata.

Lu turcu è cunfunnutu a la so vista
e ghetta pi la ‘risa a scimitarra,
cugghiennisi i so morti si nni torna
scunfittu e scunsulatu pà viriogna.

Lu puopulu e i Normanni su cuntenti
in paci puonu stari finalmenti,
e tutti quanti insiemi fannu canti
a la Maronna, Matri di li genti.

Era l’annu mille e noventunu
e chiddu c’haiu dittu fu la storia:
na storia tantu amata e biniritta
ca Scicli n’to cori havi scritta.

 

Renato Fidone e Carmelo Conti

error: Contenuto protetto da copyright I love Scicli!