Cuddureddi
I Cuddureddi nel mosto. La ricetta tradizionale per voi.
14 Settembre 2016
Scicli Paolo Chiodarelli
Relax and dream Scicli. Un fantastico video di Paolo Chiodarelli
15 Settembre 2016

A FUNCIA I CARRUA…di Renato Fidone

‘A FUNCIA DI CARRUA….(il fungo di carrubo)

A funcia i Carrua di Renato Fidone.
Un tardo pomeriggio d’estate del ’53, quando la calura estiva incominciava ad essere clemente, soffiando delicatamente quel venticello così  soave che mio padre, vestito con i pantaloni, mormorava: “Ah sciuscia, curnutu…!!!! ” -e subito dopo tracannava dalla Bummula, litri e litri di acqua ghiacciata presa dalla nostra cisterna miracolosa…


Bene! Proprio quel pomeriggio accadde la storiella che vi sto per raccontare.
Arrivò verso le sette un giovane contadino, sui vent’ anni, contento e felice di aver trovato un fungo o in dialetto, funcia di carrubo o carrua, talmente felice che quando arrivò a casa nostra, non vedendo una pietra che sporgeva prima del cancello da trent’anni, vi si imbattè e ruzzolò a terra strusciando il muso sul cancello producendosi un bel taglietto…sangue a non finire….Lui esclamo “Buttana di la miseria, quantu voti l’haiu vista ‘sta petra….” Mio padre chiamo mia madre che corse e prese delle bende, alcool e una pala di fico d’ india, che era sempre buona…per tutto…anche per il mal di pancia…lo diceva lei, mia madre….Dopo averlo medicato e fasciato come un santo Lazzaro, mio padre gli disse come mai tutta questa foga, questa impazienza…

“Turiddu, chi ti successi? Ti facisti zitu? Ti morsi ‘u cani?”

No…no, ddo Zuddu, vi debbo raccontare ‘na cosa ca nun nn’haiu vistu mai…’na cosa ca sulu ‘a pinsarici, mi grizzunu ‘i carni…taliati, taliati!
Va beni…va beni, ma chi ti successi? Parra, ‘u sai ca ccu mia ti puoi confidari…!!

Come se avesse visto i marziani…”Ddo Zuddu, vitti ‘na funcia di carrua di ‘sta manera….(facendo un cerchio con le due braccia)…una cosa bestiale….avitri dui, massimo tri gghiorna ed è cunchiuta….
Gli occhi di mio padre si illuminarono come non mai, le orecchie divennero come quelle di un cane da caccia.
Lui aveva un grande amore….il fungo del carrubo, gli altri funghi non esistevano.
Pensate che una volta, a un tizio che ne aveva appena trovata una, lo convinse a credere che quel fungo era velenoso e che c’era una legge che proibiva la caccia. E il poverino, a malincuore, dovette abbandonarla e mio padre subito dopo la tagliò e la portò a casa.

-Era fatto così…un burlone, buono….e furbo –

Ora Turiddu gli presenta questa nuova storia….e gli dice: “Turiddu, ma tu non devi dire niente a nessuno…la potrebbero trovare…eppoi ‘na funcia di quel genere…è facile da scoprire…”
“Mai, Maria, ddo Zuddu, ci misi ‘nsaccu di filunnenti, e ci ppizzai i fogghi di carrua….nun si vidi nenti…appoi iu ‘stanotti ci fazzu ‘a vardia…mi curcu ‘na casa pazza…chidda de surdati….appena tornu di purtaricci l’ova e ‘u latti a me vicchiareddi…
Iu nun nn’haiu caputu nenti…ma ti dicu di stari attentu e di nun cuntari nenti a nuddu….’u sai comu sunu ‘a genti….!
Ddò Zuddu ‘u dissi a vui pirchì siti da me famigghia….anzi, mi nni vaiu, accussì ci ccuminciu prima a muntari ‘i guardia….
Nnè tò vicchiareddi vacci di ccà, c’arrivi prima…Invece non era vero, perchè era più lunga assai.
Turiddu partiu a razzu….Mio padre chiamò mio fratello Matteo…
“Teucciu….Teucciu…”
“Chi c’è papà….?”
“Pigghia ‘u lumi e ‘u cuteddu do nannu”
“Chi emu ‘a caccia?
“Si, di vavaluci. Mutu e camina”.
Andarono via per l’altra strada, la più vicina al carrubo con il fungo.
L’indomani mattina, Turiddu si presentò quasi piangendo, raccontando che qualcuno gli aveva rubato il fungo, allora mio padre con la solita flemma e cinismo:

“Tu dissi iu, queste cose non si dicono a nessuno…”
“Ma iu sulu a vui ‘u dissi?”
“‘A tia ti pari…pensici…pensici bonu…”
“Appoi ‘u dissi sulu ‘a me cucinu Pietru….Certu..,(pensandoci)…. chiddu capaci è…Vi salutu, ddo Zuddu” e scappò come un missile….
“Attentu ‘a petra e datti aiutu, figghiu miu, ti servirà per la prossima volta….(poi fra se) Ah ‘sti picciotti di sti tempi…”

Dalla cucina esce mia madre che rivolta a mio padre gli dice….

“Comu ‘a fazzu ‘a funcia…?”

Senza scomporsi:

” O solitu, cipudduzza e pummaroru….’a morti sua è!”

Testo a cura di Renato Fidone

error: Contenuto protetto da copyright I love Scicli!